Traduci - Translate

Cerca nel sito...

Chi è on line

Abbiamo 1239 visitatori e nessun utente online

I SEGRETI DI SANTA TERESA DEL BAMBIN GESÙ

  • Sopportare i difetti degli altri, non stupirsi delle loro debolezze e invece edificarsi dei più piccoli atti che si vedono fatti;

 

  • Non curarsi di essere giudicati bene dagli altri;

 

  • Fare per le persone antipatiche, tutto quello che si farebbe per le persone più simpatiche;

 

  • Non scusarsi né difendersi mai dalle accuse;

 

  • Non avvilirsi nel vedersi deboli e imperfetti anzi averne motivo di gioia perché Gesù copre la moltitudine di peccati;

 

  • Dare a chi chiede con malagrazia rispondendo con gentilezza;

 

  • Essere felici se ci prendono qualcosa di nostro o ci si chiede un servizio che non ci spetta, essere contenti di interrompere per carità, un lavoro in corso;

 

  • Anche i beni spirituali sono un dono che non ci appartiene, per cui dobbiamo essere contenti se qualcuno si appropria di nostre intuizioni o preghiere;

 

  • Non cercate consolazioni umane ma lasciate tutto a Dio;

 

  • Quando un compito ci sembra superiore alle nostre forze,mettersi nelle braccia di Gesù sapendo che da soli non siamo capaci a nulla;

 

  • Se si deve riprendere qualcuno accettare la sofferenza di doverlo fare pur sentendosi incapaci e non all’altezza;

 

  • Non cercare di attirare a sé i cuori degli altri ma condurli a Dio da servi inutili;

 

  • Non avere paura di essere severi se c’e né bisogno, pregare comunque sempre prima di dire qualcosa;

 

  • Nell’ aridità recitare molto lentamente il Pater e l’ Ave;

 

  • Accettare le umiliazioni e le critiche con gratitudine;

 

  • Cercare la compagnia delle persone meno gradite agli altri;

 

  • Offrire al Signore le cose che ci costano cercando di farcele piacere;

 

  • Accettare che il proprio lavoro non venga considerato;

 

  • Più il fuoco dell’amore di Dio incendierà il nostro cuore e più le anime si avvicineranno a noi correranno dietro all’amore di Dio;

 

  • Soffrire momento per momento quello che Dio ci manda, senza preoccuparsi per l’avvenire.

 

                                                                                                      Lisieux 1897