Traduci - Translate

Cerca nel sito...

Chi è on line

Abbiamo 1242 visitatori e nessun utente online

BEAURAING (Belgio) – 1932

 

Nostra Signora di Beauraing (Vergine del cuore d’oro)

La sera del 29 novembre 1932 la vergine apparve per la prima volta ad Alberto, Gilberto e Fernanda Voisin (di 11, 13 e 15 anni), Andreina e Gilberta Degeimbre (di 14 e 9 anni). Quella sera papà Voisin aveva incaricato Fernanda e Alberto di andare a prendere Gilberta alla scuola del Pensionato delle suore della dottrina cristiana. Giunti all'istituto i due fecero un segno di croce per salutare la Madonna (si tratta di una statua dell'Immacolata posta in una grotta come a Lourdes). Dopo aver suonato il campanello alla porta, Alberto guardò verso la grotta e vide la Madonna che passeggiava. Chiamò la sorella e le altre due ragazze che nel frattempo stavano giungendo. Arrivarono anche le suore, che non badarono a quanto diceva il ragazzo; uscì pure Gilberta Voisin, che, non avendo sentito il fratello, non sapeva nulla. Sui gradini della scalinata essa gridò, dicendo di vedere la statua che la stava osservando. I 5 ragazzi impauriti fuggirono; oltrepassato il cancello la piccola Gilberta cadde e gli altri si girarono per aiutarla: videro che la figura bianca e luminosa era sempre là sopra il viadotto. Scapparono e si rifugiarono in casa Degeimbre. Raccontarono i fatti alla mamma che non credette loro. E così pure, più tardi, i genitori dei Voisin. La sera successiva i ragazzi rividero la figura bianca muoversi nello stesso luogo; così pure la sera del 1° dicembre. Tornati ancora al Pensionato verso le venti, con le due mamme e qualche vicino, i veggenti rividero la Madonna accanto ad un biancospino. Venerdì 2 dicembre tutti i Voisin e i bimbi Degeimbre si recarono al Pensionato verso le venti. Quando furono a pochi metri dal biancospino, i ragazzi videro la Madonna. Alberto trovò la forza di chiederle:"Siete la vergine Immacolata?". La figura sorrise dolcemente, chinando il capo e aprendo le braccia. Alberto domandò ancora:"Che volete da noi?". La vergine rispose: “Che siate sempre molto buoni”. Durante le apparizioni silenziose, che furono 19 rispetto alle 33 visioni, la Madonna si mostrò sempre più bella e luminosa, fino a farli piangere di commozione e di gioia. La sera del 28 dicembre la vergine mostrò ai veggenti sul suo petto il suo Cuore tutto d'oro lucente, circondato da raggi luminosi che formavano una corona; lo mostrò ancora il 29 a Fernanda ed il 30 alle quattro ragazze e, infine, il 31 a tutti e cinque.

Le apparizioni terminarono il 3 gennaio 1933. Quella sera la Madonna comunicò ai veggenti (tranne Fernanda ed Andreina) dei segreti personali. A Gilberta Voisin promise: "Io convertirò i peccatori. Addio!" Mentre ad Andreina disse: "Io sono la Madre di Dio, la Regina del Cielo. Pregate sempre. Addio!" .Fernanda, che non aveva avuto la visione, continuò a pregare piangendo, nonostante la pioggia; all'improvviso il giardino fu illuminato da una palla di fuoco che, frantumandosi, le mostrò la Vergine, che le disse: "Amate Mio Figlio? Amate Me? Allora, sacrificatevi per Me. Addio". E per l'ultima volta mostrò il Suo Cuore Immacolato, aprendo le braccia. Il Vescovo di Namur nel 1943 permise il culto di Nostra Signora di Beauraing; nell'ottobre del 1945 benediceva la prima statua della Madonna e il 2 luglio 1949 riconosceva il carattere soprannaturale delle apparizioni. Nel 1947 era stata posata la prima pietra della cappella delle apparizioni. Tutti i veggenti hanno poi avuto una vita normale, sposandosi ed avendo figli. La Madonna di Beauraing è chiamata anche la "Vergine dal Cuore d'oro".