Traduci - Translate

Cerca nel sito...

Chi è on line

Abbiamo 269 visitatori e nessun utente online

KNOCK (Irlanda) - 1879

 

Regina d’Irlanda

Knock è situata a più di 200 km da Dublino, nella parte ovest dell'isola e fa parte della diocesi di Taum. Il centro abitato di questo paese si raccoglie intorno alla chiesa parrocchiale dedicata a san Giovanni Battista.

La sera del giovedì 21 agosto 1879, verso le ore 19, piove a dirotto e tira un forte vento. Maria Mc Loughlin, domestica del parroco don Bartolomeo Cavanagh e altre due ragazze si tro­vano a passare frettolosamente dinanzi alla chiesa. Frattanto un lampo illumina nell'oscurità tre figure. A causa della pioggia, le donne non sono certe se si tratta delle statue comprate dal parroco o di altro. Ne parlano con altri e subito accorrono sul posto una quindicina di persone di diversa età. Improvvisa­mente si mostra loro nell'oscurità della sera piovosa una luce diafana in cui tutti i presenti vedono chiaramente una scena soprannaturale, sollevata di circa 30 cm sull'erba del terreno, rappresentata da tre figure e un altare. Maestosa e in posizione avanzata rispetto alle altre si staglia la figura della Santa Vergi­ne: ha una veste bianca e tiene le mani sollevate e le palme poste una di fronte all'altra, come un prete durante la santa Messa. La Madonna tiene gli occhi rivolti al cielo in profonda contemplazione. Alla sua destra è san Giuseppe con le mani giunte in preghiera, alla sinistra invece san Giovanni Evangeli­sta in abito bianco pontificale. Giovanni reca nella mano sini­stra un libro aperto, mentre la destra è sollevata. Nell'appari­zione si mostra anche un altare con sopra il divino Agnello e una croce spoglia. L'altare è rischiarato dai lampi del tempora­le e da una tenue luce diafana, mentre alcuni Angeli librano intorno a esso. La visione è silenziosa, ma complessa e molto eloquente. La Beatissima Vergine, al centro si mostra ritta nel­la sua maestosità, assorbendo tutto quello che la circonda. L'apparizione viene subito interpretata come un segno celeste di appello a tutti i cristiani a rimanere fedeli alla Chiesa catto­lica, soprattutto al culto eucaristico mariano. Tutti si inginoc­chiano devotamente, attratti da quella meravigliosa visione di splendore. I veggenti si scambiano le impressioni su quelle fi­gure e il simbolismo da loro rappresentato e, nonostante la diversità di età e d'istruzione, sono concordi nel riconoscere nella Signora Maria SS.; nell'uomo di destra san Giuseppe, suo sposo; nell'uomo di sinistra san Giovanni Evangelista, protet­tore della Vergine dalla morte di Gesù; l'altare e la croce raffi­gurano l'Eucaristia; l'agnello rappresenta Gesù Redentore. Cir­ca alle ore 21 l'apparizione svanisce per non ripetersi mai più; è durata due ore. Tutta la gente che era stata benedetta da tan­ta magnificenza restò assorta e attonita nei giorni che seguiro­no, nessuno ne parlò per timore di disperdere con le parole un simile dono spirituale. Il parroco negò di aver fatto parte di questo gruppo.

 In seguito alle indagini approfondite del vesco­vo competente venne dichiarata l'autenticità dell'apparizione e venne accordato il riconoscimento ecclesiastico. Knock Mhuire, chiamata anche la «Lourdes irlandese» è divenuto uno dei più importanti santuari d'Europa dove Maria è venerata come «Regina d'Irlanda» e sono state attestate molte guarigioni e conversioni. Nel 1954, anno mariano per tutto il mondo catto­lico, 1'8 dicembre, per concessione del Capitolo Vaticano, fu incoronata la Madonna di Knock con il rito seguito da Pio XII nell'incoronare il quadro Nostra Signora Salus Populi Romani, a Roma, il 1° novembre.